Ricorso CGS

 

Per tutte le informazioni del caso, 

entra direttamente sul sito

www.ricorsocgs.it

oppure rivolgiti al tuo rappresentante

sindacale Nursind

 

Sciopero Nazionale degli infermieri

Nursind chiede agli infermieri di non inginocchiarsi di fronte all'uteriore blocco degli stipendi

sciopero nazionale infermieri nursind 3 novembre 2014Ci prepariamo alla mobilitazione del personale nel mese di novembre quando chiederemo ai lavoratori pubblici di manifestare la loro contrarietà ai continui blocchi degli aumenti stipendiali e di ridurre la produttività in quanto non ci sono risorse per retribuirla adeguatamente. 
Sappiamo che il governo se ne farà una ragione della nostra manifestazione, speriamo che i cittadini se ne facciano altrettanta quando non troveranno i servizi all’altezza delle aspettative e quando si troveranno a pagare di tasca propria l’assistenza infermieristica che lo Stato non è in grado di garantire. 
Gli infermieri da anni provati dal blocco del turn over e delle retribuzioni (che non recupereranno più per tutta la loro vita!) hanno buone ragioni per limitarsi a quanto si sentono di garantire dando priorità alle attività di maggiore responsabilità.

Leggi il comunicato...

Stampa il comunicato...

La proclamazione e le motivazioni dello sciopero.

l'ARAN certifica il raggiungimento del 5 % Nazionale di Nursind

Un sogno iniziato nel 1998 oggi si è avverato: un sindacato infermieristico, da solo e senza "pastrocchi", ha raggiunto e superato la soglia del 5% che gli consente di essere alla pari con le storiche sigle sindacali firmatarie del CCNL.

 

Ecco i dati pubblicati dall'ARAN:
SINDACATI RAPPRESENTATIVI COMPARTO SANITA'
CGIL 27%
CISL 25%
UIL 17%
FIALS 9%
NURSIND 5%
FSI 5%

Un risultato che per Nursind vale il doppio (10%) visto che gli infermieri nel comparto costituiscono il 50%
Siamo solo agli inizi di una storia ancora tutta da scrivere.
W Nursind e W gli infermieri che lo sostengono!!!
Il comunicato della Direzione Nazionale
Il comunicato in PDF della Direzione Nazionale

LA DIFFUSIONE DI NURSIND IN ITALIA

La diffusione del NurSind in Italia

Dal 1998 ad oggi sempre più infermieri conoscono ed aderiscono al NurSind, contribuendo a farlo crescere e diffondere in tutto il Paese. Recentemente si sono aggiunte alle Segreterie già esistenti quelle di Caserta, Prato e Potenza. Ancora alcune province mancano all'appello, quelle in giallo sulla cartina. Siamo certi che il "richiamo della categoria" giungerà presto a colleghe e colleghi che lavorano in queste province e che si aggregheranno alla già numerosa famiglia del NurSind, contribuendo così, con il loro orgoglio, impegno e responsabilità professionale, a completare l'affermazione del sindacato di categoria in Italia, avvicinandolo ai grandi sindacati infermieristici europei. Se lavori in un'azienda dove NurSind non è ancora presente, contattaci o chiama il 348 4722368

La diffusione del NurSind in Italia

Dal 1998 ad oggi sempre più infermieri conoscono ed aderiscono al NurSind, contribuendo a farlo crescere e diffondere in tutto il Paese. Recentemente si sono aggiunte alle Segreterie già esistenti quelle di Imperia, Parma e Savona. Ancora alcune province mancano all'appello, quelle in giallo sulla cartina. Siamo certi che il "richiamo della categoria" giungerà presto a colleghe e colleghi che lavorano in queste province e che si aggregheranno alla già numerosa famiglia del NurSind, contribuendo così, con il loro orgoglio, impegno e responsabilità professionale, a completare l'affermazione del sindacato di categoria in Italia, avvicinandolo ai grandi sindacati infermieristici europei. Se lavori in un'azienda dove NurSind non è ancora presente, contattaci o chiama il 348 4722368 

La Spending Review potrebbe cancella le ferie arretrate degli Infermieri


Il segretario nazionale Nursind, Andrea Bottega scrive in un interpello al Dipartimento della Funzione Pubblica: “il diniego alle ferie che porta a una mancata fruizione entro i tempi contrattuali lede un diritto costituzionale. Dopo il blocco dei contratti, delle progressioni economiche e dei tagli al personale, strutture e a beni e servizi, lo Stato ci chiede di regalare anche le ferie arretrate”.

Le ferie arretrate e non smaltite entro il primo semestre successivo saranno dunque cancellate. Per questa ragione indichiamo a tutti gli infermieri di prendere l'abitudine di formalizzare per iscritto entro l’anno le richieste di ferie in modo da avere adeguata documentazione nel caso la mancata fruizione delle ferie sia da incolpare alle esigenze di servizio, per eventuali ricorsi legali ed anche per una valutazione sulla costituzionalità della norma.
Leggi il Comunicato Nazionale

Infermiere in pensione a 67 anni???

La manovra economica del governo Monti ha sancito definitivamente l'uscita dal lavoro a 67 anni. Ancora una volta non si fa alcuna distinzione tra le tipologie di lavoro. Nursind sostiene da tempo che il lavoro infermieristico debba essere considerato usurante, a maggior ragione per le donne, di cui la nostra categoria comprende l'87%, gravate anche dalla fatica del lavoro domestico oltre che dalle maternità. Nursind scrive alla Ministra Fornero e chiede di rivedere la normativa sui lavori usuranti, comprendendo quello infermieristico.

La lettera di una collega di 54 anni (30 anni di turni) al Foglio arrabbiatissima contro i sindacati che non la rappresentano e contro il governo che la vuole trattenere in servizio fino a 65 anni!